新华社照片,北京,2016年4月20日   习近平视察军委联合作战指挥中心   4月20日上午,中共中央总书记、国家主席、中央军委主席、军委联指总指挥习近平到军委联合作战指挥中心视察,代表党中央和中央军委,向军委和战区两级联指中心全体指战员致以诚挚问候。   新华社记者 李刚 摄

La fine della Guerra Fredda, nel secolo scorso, è stata accompagnata dal graduale abbassamento della cortina di ferro che ha attraversato il continente europeo per quasi mezzo secolo: l’Unione Europea è nata ufficialmente nel novembre 1993. Tutti gli europei che hanno sofferto le guerre calde e fredde non aspiravano ad altro che porre fine ai conflitti nel continente europeo e di aprire una nuova strada di armonia, riconciliazione, sviluppo comune e prosperità.

Tuttavia, oggi, a più di 30 anni di distanza, la realtà che vediamo è che il continente europeo è di nuovo in fermento. L’Ucraina, che si trova al centro dell’Europa, è diventata una zona di faglia tra l’Est e l’Ovest dell’Europa. Sia la Russia che l’Europa sono cadute nella “trappola dell’Ucraina” progettata dagli Stati Uniti.

La “trappola ucraina” è funzionale all’egemonia globale degli Stati Uniti. Brzezinski, un ex consigliere presidenziale per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, un tempo affermò che “l’Eurasia è l’obiettivo geopolitico più importante” e che il controllo dell’intero continente eurasiatico è “la base principale per il dominio globale”.

Gli Stati Uniti hanno progettato la “trappola dell’Ucraina”, utilizzando l’Ucraina come una pedina contro la Russia, per colpire la Russia. L’obiettivo finale è utilizzare il pantano della guerra e delle sanzioni per abbattere la Russia al fine di consolidare il dominio americano.

Oggi il conflitto russo-ucraino ha provocato la perdita di vite umane, migliaia di soldati e civili sono stati uccisi e feriti e almeno 5 milioni di profughi si sono riversati nell’Europa occidentale, mentre gli Stati Uniti sventolano ancora la loro bandiera egemonica e accendono le fiamme della guerra.

Come ha affermato la rivista “American Conservative”, l’Ucraina, agli occhi degli USA, è solo “carne da cannone” da giocare cinicamente contro la Russia e “Washington combatterà la Russia fino all’ultimo ucraino”. Il complotto geopolitico degli Stati Uniti per indebolire e consumare la Russia è stato smascherato.

La “trappola ucraina” tradisce gli interessi europei. La Russia è stata uno dei partner commerciali più importanti dell’UE. Secondo i dati della Commissione europea e del Ministero dello sviluppo economico russo, la Russia è stato il quinto partner commerciale dell’UE nel 2021, con il commercio Russia-UE che ha rappresentato il 5,8% del commercio mondiale totale dell’UE e il volume degli scambi bilaterali ha raggiunto 257,5 miliardi di euro; la Germania “è il più grande tra i paesi non CSI della Russia”, è il secondo partner commerciale della Russia con un volume di scambi di 57 miliardi di dollari e l’UE rappresenta il 35,9% del volume totale degli scambi della Russia.

La cooperazione UE-Russia non è solo nell’interesse dell’UE e del popolo russo, ma anche nell’interesse della popolazione mondiale, ma ovviamente non è ciò che vogliono gli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti non consentono all’Europa di avere autonomia, per non parlare dell’approccio particolare tra Europa e Russia, ma vogliono domare l’Europa come strumento per l’egemonia globale e come agente per l’equilibrio offshore e la condivisione delle responsabilità.

Gli Stati Uniti hanno usato la “trappola ucraina” per soffiare il vento dei giochi geopolitici in Europa, hanno acceso la guerra in Europa, trasferito la pressione delle sanzioni all’Europa e hanno soffocato l’autonomia strategica dell’Europa.

Le sanzioni vanno bene per un po’, ma alla fine l’Europa si farà del male. Anche gli Stati Uniti devono ammettere che le sanzioni contro la Russia hanno danneggiato l’Europa come un’arma a doppio taglio. Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Yellen, ha affermato che l’UE non dovrebbe mettere l’embargo sul petrolio russo al momento, altrimenti l’UE subirà molte più perdite della Russia. L’Europa sta finendo il cibo, l’energia scarseggia, i rifugiati crescono, la disoccupazione aumenta, l’economia è in difficoltà e non si sa quando finirà la guerra.

La “trappola ucraina” ha ingrassato e rafforzato gli Stati Uniti. Limitare le sanzioni alla Russia è il trucco principale degli Stati Uniti per valorizzare la “trappola ucraina”. Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni finanziarie, controlli sulle esportazioni e scioperi a tutto tondo a industrie, entità e individui chiave contro la Russia. Le misure sono state rinnovate e la portata è senza precedenti.

Finora sono state imposte alla Russia 1.032 sanzioni. In qualità di leader, l’“effetto gregge” guidato dagli Stati Uniti ha portato a più di 10.000 sanzioni contro la Russia. Anche gli “alleati” statunitensi e i soccorritori che danno seguito alle sanzioni hanno motivazioni e livelli di impegno diversi, e il loro cuore è diverso: alcuni sono disposti a prendere l’iniziativa nel servire gli Stati Uniti e a lavorare sodo per gli Stati Uniti, prendendo le castagne dal fuoco, e alcuni non sono attivi su questioni come l’energia e gli aiuti militari. Paesi come l’India, il Sud Africa e persino gli alleati degli Stati Uniti, Messico e Israele, si sono mantenuti a una certa distanza dagli Stati Uniti sulla questione delle sanzioni.

Gli Stati Uniti hanno fatto fortuna con la guerra e hanno fatto un sacco di soldi, hanno venduto armi, petrolio e gas, e il capitale finanziario ha continuato a fluire all’indietro; in tutto ciò si dice che gli Stati Uniti abbiano accolto solo una dozzina di rifugiati ucraini.

A lungo andare, gli Stati Uniti non traggono necessariamente vantaggio da se stessi danneggiando gli altri, e il rapporto con i suoi alleati si è incrinato. Sempre più persone lucide in Occidente hanno iniziato a svegliarsi, vedendo che la cosiddetta “rettitudine” del paese “montagna” e “faro” serve solo all’egemonia, a vincere la competizione geopolitica. Alla fine, ciò che è danneggiato sono le relazioni a lungo termine USA-UE e persino l’intero sistema di alleanze statunitensi, la stessa “leadership globale” degli Stati Uniti va crollando.

La “trappola ucraina” è un’altra grande invenzione degli Stati Uniti nel gioco delle grandi potenze dopo la “trappola di Tucidide”. Intensifica la feroce competizione geopolitica e avvelena l’atmosfera della società internazionale dopo la Guerra Fredda. Un gioco a somma zero dove tu perdi e io vinco. Vale la pena notare che gli Stati Uniti stanno cercando di “Natizzare” l’Asia e creare una nuova “trappola ucraina” in Asia. Usando come strumenti il “Partenariato per la sicurezza trilaterale” USA-RegnoUnito-Australia e il “Meccanismo quadrilaterale” USA-Giappone-India-Australia. Gli Stati Uniti non hanno risparmiato sforzi per pubblicizzare la questione di Taiwan e la crisi ucraina, e hanno persino cercato di schierare missili balistici a distanza nella regione Asia-Pacifico. Queste azioni hanno messo in luce la radicata mentalità della Guerra Fredda degli Stati Uniti. Tutto appartiene alla vecchia routine diretta a provocare uno scontro militare, alimentare il fuoco e passare il coltello. Lo scopo è creare la cosiddetta “versione Asia-Pacifico della NATO”, in nome del “mantenimento della pace”, e impegnarsi in una vera e propria competizione di servizio. Tutto ciò si chiama egoismo egemonico.

Il popolo asiatico ha attraversato guerre calde, guerre fredde e terribili vicissitudini della vita, sa che la pace è preziosa e che lo sviluppo non arriva facilmente. Negli ultimi decenni l’Asia ha generalmente mantenuto pace, stabilità e rapido sviluppo. È diventata la regione con il maggior vigore e potenziale di sviluppo. È l’àncora della pace e della stabilità mondiale, una fonte di slancio e di crescita, un nuovo altopiano per la cooperazione mondiale. Ha realizzato il “miracolo asiatico”. L’Asia si rifiuta di essere una scacchiera sulla quale possano giocare le grandi potenze, e i paesi asiatici non si sentono affatto pedine per il confronto delle grandi potenze.

Il popolo asiatico deve tenere gli occhi aperti, resistere congiuntamente all’introduzione dello scontro nei campi in Asia e alla duplicazione della “trappola ucraina” e mantenere la situazione di pace, stabilità e sviluppo conquistata a fatica nella regione. La sicurezza dell’Asia dipende dal popolo asiatico, che deve tenere nelle sue mani il proprio destino, sostituire i giochi a somma zero con il dialogo e la cooperazione, sostituire l’isolamento e l’esclusività con l’apertura e l’inclusività e sostituire l’autosufficienza con scambi e apprendimento reciproco.

La questione centrale, affinché i popoli asiatici controllino il fluire del proprio destino, è approfondire la cooperazione in materia di sicurezza regionale e sub regionale, consolidando il progetto di una congiunta cooperazione per la sicurezza, la sola via che può portare risultati vantaggiosi per tutti i popoli asiatici. Per la sicurezza asiatica.

In modo che la trappola ucraina non si trasformi anche in trappola asiatica.